A Torino il Festival del Cinema erotico Fish&Chips

fishchipsfestivalPromosso da Altera e realizzato in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema, Fish&Chips nasce da un’idea di un gruppo di giovani dai diversi background, uniti dal desiderio di creare un momento per fruire e confrontarsi sui temi della sessualità in maniera creativa, laica, dissacrante e intelligente. Per quattro giorni F&C porterà sul grande schermo un programma eterogeneo per andare oltre i preconcetti che gravano sul mondo della cultura erotica, celebrandone le icone e portandone allo scoperto dinamiche, valori ed estetica.

Siamo immersi in una società sovrastimolata da immagini e messaggi allusivi, ma che non tratta l’argomento nella sua accezione più profonda e intima, rimanendo spesso legata a stereotipi e tabù.” dichiara Chiara Pellegrini, direttrice artistica del festival, e continua: ”Vogliamo scoprire insieme al pubblico cosa si produce di nuovo in questo ambito, spesso rilegato negli ambienti underground, e mostrare opere che siano spunto per una sana e critica riflessione sul tema.”

A partire dall’apertura di questa prima edizione (giovedì 14 gennaio, ore 20.30 al Cinema Massimo 2), Fish&Chips svela le proprie intenzioni con l’anteprima nazionale in versione 3D di Love di Gaspar Noé, presentato all’ultimo Festival di Cannes. Il regista argentino, che fece già parlare di sé nel 2002 con Irréversible, questa volta racconta con cruda ma sofisticata onestà, l’ossessione sessuale fra due corpi che si amano, giocando con i confini convenzionali del film d’autore e immagini esplicite.

Con gli omaggi, Fish&Chips mostrerà 3 figure femminili – in equilibrio tra novità e riscoperta – che hanno cambiato l’immaginario e la fruizione del cinema erotico, divenendo ognuna icona della propria epoca.

Doveroso l’omaggio a Laura Antonelli, interprete per registi come Visconti, Risi e Scola, che venne consacrata a icona sexy mondiale con Malizia (1973, Italia, 98’) di Salvatore Samperi. Proprio con questo titolo, venerdì 15 gennaio ore 22.30 al Cinema Massimo 3, si ricorderà la splendida attrice italiana, recentemente scomparsa, con una serata dal gusto vintage.

Sabato 16 gennaio, ore 22.30 al Cinema Massimo 3, la proiezione di Afrodite Superstar (2006, Stati Uniti, 69’), celebrerà Candida Royalle, autrice del film insieme a Venus Hottentot. La Royalle, produttrice, regista e attrice statunitense, fu fra le prime a proporre una cinematografia con una rappresentazione positiva del sesso all’interno della cultura americana e mondiale.

Infine Erika Lust che, con il suo progetto XConfessions, raccoglie le più proibite fantasie degli utenti dell’omonimo sito, per trasformarle in cortometraggi. Domenica 17 gennaio ore 20.30 al Cinema Massimo 3, una selezione dei migliori corti saranno per la prima volta in Italia sul grande schermo e il pubblico potrà consegnare in busta chiusa il proprio soggetto erotico, ricevendo in cambio un mese di accesso gratuito alla piattaforma.

Anche i concorsi regaleranno film imperdibili per il pubblico con ben 9 anteprime nazionali e 1 anteprima mondiale tra gli 11 lungometraggi selezionati per l’omonima categoria, tra 25 iscritti, che si contenderanno il Primo premio di 1.000 € (Offerto da ESP Care srl) assegnato da 3 giurati: Alice Buttafava (produttrice), Giuseppe Procino (direttore del Étranger Film Festival) e Roberto Schinardi (giornalista e scrittore).

Per la sezione dedicata ai lavori entro i 30’, Fish&Chips ha scelto 30 cortometraggi tra 197 titoli e la giuria composta da Francesca Puopolo (autrice e attrice teatale), Donato Sansone (animatore) ed Elisa Sevino (fondatrice di Lovever) aggiudicherà il Primo premio di 500 € (Offerto da Lovever).

Le opere in concorso provengono da tutto il mondo (Australia, Belgio, Brasile, Canada, Danimarca, Francia, Germania, Italia, Messico, Norvegia, Polonia, Spagna, Ungheria, UK, USA) e spaziano dal documentario all’animazione alla fiction, raccontando il sesso in modo esplicito o con lieve ironia, ma sempre con una visione peculiare che arricchisce il variegato universo che include amore, erotismo e pornografia.

I vincitori saranno proclamati durante la serata di chiusura di domenica 17 gennaio alle 20.30 al Cinema Massimo 3, e riceveranno oltre ai premi in denaro, una stampa esclusiva firmata dall’artista Massimo Sirelli.

Il programma di Fish&Chips alternerà film e incontri in cui l’erotismo si confronta con forme d’arte e aspetti fondamentali della vita di ognuno, come quello su sessualità e disabilità con Maximiliano Ulivieri, fondatore e presidente dell’Associazione “LoveGiver – Comitato Promotore per l’Assistenza Sessuale” o l’incontro a cura del SISM sulle Malattie Sessualmente Trasmesse e la mostra dell’artista torinese Irene Pittatore con i risultati del suo progetto Eros Absconditus, dedicato ai sogni e agli immaginari erotici contemporanei.

Il cinema erotico al centro, quindi, di un evento che sarà occasione di riflessione e godimento perché “Raccontare attraverso le immagini garantisce quell’immediatezza ed esaustività difficili da rendere attraverso altre forme artistiche” spiega il coordinatore del festival Luca Valenza, aggiungendo: “Inoltre, nel sesso e nell’erotismo la parte visiva è preponderante. Non c’è quindi mezzo migliore del cinema per incarnare fantasie e, visto che da sempre il sesso muove molte delle nostre decisioni, Fish&Chips Film Festival ha deciso di partire da qui”.

Fish&Chips è un festival low budget, che si alimenta della passione di chi ci lavora e di coloro che credono in questa idea: i partner Altera e Museo Nazionale del Cinema, gli sponsor privati ESP care, Lovever, Moi.To e Bazaaar, i media partner Agenda del Cinema Torino e Radio Banda Larga, e tutte le persone che lo hanno sostenuto tramite la campagna di crowdfunding.

Il sito della manifestazione è: www.fishandchipsfilmfestival.com

Articolo scritto da: mediaComunicazione

mediaComunicazione

– News e Lavoro direttamente nella tua mail: Iscriviti alla newsletter
– Pubblica gratis un’offerta di lavoro nel campo della comunicazione: Clicca qui
– Segnala se questa posizione è chiusa: Clicca qui

mediaCommenti