Sky Atlantic media partner del Roma Web Fest

romawebfest_atlanticLa nuova edizione del Roma Web Fest è alle porte, e si annuncia ancora più sperimentale e piena di novità. 

Il Roma web fest in questi anni si è affermato come punto di incontro tra i talenti emergenti dal mondo del web e chi opera nel settore. La partnership con Sky, la realtà che più di tutte sta contribuendo a rilanciare la serialità italiana nel mondo e a far nascere nuovi talenti, consentirà di ampliare ulteriormente questo spazio di creatività e di sperimentazione di nuovi generi e linguaggi.

Prodotti ormai all’avanguardia per qualità produttiva, di scrittura e interpretativa, le web serie sono una realtà in forte crescita a cui lavorano in tutta Italia tantissime persone, spesso giovanissime, con mezzi tecnici all’avanguardia per un risultato visivo a volte strepitoso, che attira molta attenzione e grande interesse, ma può contare su investimenti ancora marginali.

Le web-serie sono uno dei prodotti più interessanti di questo decennio – sottolinea Antonio Visca, direttore di Sky Atlantic, canale interamente dedicato al meglio della serialità internazionale e spazio esclusivo per le serie originali targate Sky. E la partnership con il Roma Web Fest ha una doppia valenza: da una parte siamo sicuri che tra i titoli che parteciperanno al Festival troveremo progetti e spunti interessanti per il canale; dall’altra sarà un’occasione importante per stringere ulteriormente i rapporti con una community, quella dei videomaker, dei registi e degli sceneggiatori del web, da cui potrebbero uscire i nuovi nomi della creatività televisiva di domani”.

L’appuntamento con il  Roma Web Fest 2016, diretto da Janet De Nardis, è dal 30 settembre al 2 ottobre  al MAXXI Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo.

Articolo scritto da: mediaComunicazione

mediaComunicazione

– News e Lavoro direttamente nella tua mail: Iscriviti alla newsletter
– Pubblica gratis un’offerta di lavoro nel campo della comunicazione: Clicca qui
– Segnala se questa posizione è chiusa: Clicca qui

mediaCommenti