Anteprima e Reportage: “Francesco il Papa della gente”

papafrancesco_00Sarà trasmesso su Canale 5 in due puntate, il 7 e l’8 dicembre, Francesco il Papa della gente.
La prima serie tv al mondo che racconta la vita di Papa Bergoglio è un progetto internazionale firmato Mediaset e acquistata anche da Netflix per l’utilizzo streaming in tutto il mondo Europa esclusa.
Giancarlo Scheri direttore di Canale 5 ha detto che per la rete è un “profondo orgoglio trasmettere Francesco il Papa della gente e per questo ringrazio Pietro Valsecchi e Daniele Lucchetti per aver dato un’impronta così umana alla figura del Papa. Grazie anche all’azienda per aver creduto in questo progetto”.

papafrancesco_03

A firmare la regia è Daniele Lucchetti che racconta l’aspetto umano e spirituale che ha portato il figlio di emigrati italiani in Argentina a salire sul soglio pontificio. Un percorso durato più di mezzo secolo e che Bergoglio ha attraversato venendo a contatto con una delle pagine più buie della storia dell’Argentina, la dittatura di Videla.
“È la mia prima volta in tv” ha detto Daniele Lucchetti, “ringrazio tutti coloro che mi hanno coinvolto in questo progetto. Ho fatto questo film con un approccio non diverso da quello che uso nel cinema. Ricostruire questa vita, quella del Papa, vuol dire avere una strada difficile da percorrere. Io ho cercato di mettermi sulle tracce di un uomo che fa un mestiere: il prete. Ho cercato di raccontare com’è arrivato ad oggi, quali inferni ha dovuto superare e ho anche provato a capire perché era così e per quale motivo è diventato chi è oggi”.

papafrancesco_04

Negli anni della giovinezza Jorge era un ragazzo uguale a tanti, peronista, con una fidanzata, gli amici, e una figura importante a cui resterà legato per tutta la vita, la professoressa di chimica Esther Ballestrino.
Per Jorge la vita ha però in serbo un futuro molto diverso da quello che forse lui stesso si aspetta. La vocazione religiosa lo porterà a poco più di vent’anni ad entrare nell’ordine dei Gesuiti e il primo incarico che riceverà sarà quello di professore di letteratura presso un liceo dell’ordine nella città di Santa Fe.
La forte personalità di Bergoglio emergerà da subito traducendosi in gesti clamorosi come l’invito rivolto al grande scrittore Jorge Borges, ateo, a tenere lezioni nel liceo di Santa Fe.
Durante la dittatura di Videla, ancora molto giovane, Bergoglio viene nominato Padre Provinciale dei Gesuiti per l’Argentina. Vedrà morire o “scomparire” persone a lui vicine e resterà particolarmente segnato dall’arresto di due sacerdoti gesuiti impegnati nell’aiuto ai più poveri delle periferie e dalla sparizione della sua amica Esther voce contraria al regime e tra le fondatrici del gruppo delle madri di Plaza de Mayo.

papafrancesco_02

Dopo la dittatura Bergoglio vivrà per due anni in Germania per un dottorato in teologia e successivamente diverrà Arcivescovo di Buenos Aires continuando la sua opera di aiuto nei confronti dei più poveri e degli emarginati contro il potere politico ed economico e promuovendo la crescita individuale e collettiva fino ad affacciarsi in una piazza San Pietro affollata e pronta ad accogliere Papa Francesco.

Francesco il Papa della gente è prodotto da taoduefilm e Pietro Valsecchi ha ringraziato Daniele Lucchetti perché “fare un film sul Papa non è facile, ci vuole incoscienza e coraggio e io li ho trovati in Daniele Lucchetti. Ero incuriosito dall’idea di capire questa figura e con Daniele siamo andati fino in Argentina per incontrare le persone che hanno conosciuto Bergoglio e comprendere meglio la sua grandezza umana e spirituale”.

Con Rodrigo De La Serna, Sergio Hernàndez , Muriel Santa Ana, José Angel Egido, Andrés Gil, Alex Brendemuhl e con la partecipazione di Mercedes Moran, Francesco il Papa della gente promette di far emozionare il pubblico raccontando la vita di un uomo ormai entrato a pieno titolo nella storia.

Articolo scritto da: Raffaella Berardi

Raffaella Berardi

Articolista su Spettacolo e Web. Pugliese doc, divoratrice di libri, affamata di storie. Ricercatrice seriale di domande che le risposte non bastano mai.

mediaCommenti