“Tutta colpa di Galileo” su Italia1 – L’Incontro Stampa #ANNALISAinSPACE

annalisa_00Annalisa torna su Italia 1 con Tutta colpa di Galileo, il docu- viaggio alla scoperta delle meraviglie nello spazio.
A partire da ieri sera, 4 dicembre, Annalisa ci conduce in un viaggio che parte dal Planetario di Milano e arriva alla Facoltà di Ingegneria Aereospaziale dove la cantante e conduttrice intervisterà un vero e proprio mito, la Professoressa Amelia Ercoli-Finzi prima donna italiana ad essersi laureata in questa materia e tra i fautori di Rosetta, la missione che con una sonda ha raggiunto il suolo di una cometa.
Insieme ad Annalisa raggiungeremo poi Colonia la sede del Centro Astronautico Europeo (EAC) in cui vengono formati quelle donne e queli uomini che partecipano alle missioni a bordo del laboratorio Columbus.Con l’aiuto degli istruttori del centro Annalisa testerà alcune delle attività tipiche dell’addestramento degli astronauti.

In questo percorso attraverso gli straordinari misteri dello spazio non mancheranno le interviste ad eccellenze italiane come Samantha Cristoforetti, Paolo Nespoli e Luca Parmitano.
Tutta colpa di Galileo è l’occasione per approfondire anche i legami tra la grande industria della moda, della cucina e della cultura con lo spazio e ci permetterà osservazioni di straordinario impatto visivo come quelle della terra vista dal cielo e di tutta la costellazione di satelliti utili al monitoraggio della stessa, direttamente dalla sede italiana dell’European Space Agency di Frascati.
Naturalmente vista la doppia anima di Annalisa, cantautrice e conduttrice, non mancheranno intermezzi musicali e sui social potrete seguire il programma anche attraverso l’hashtag #ANNALISAinSPACE.

annalisa_01

Annalisa si è mostrata entusiasta e molto coinvolta nella costruzione del docu-viaggio che per lei è l’occasione non solo per confermare la sua attitudine alla conduzione ma anche per mettere a frutto la passione per la scienza: “Non parteciperei mai a un reality perché non ne sarei capace e sentirei anche di non fare niente di utile. In questo caso invece vivo un’avventura scientifica che mi rappresenta tantissimo e provo a ribadire un concetto: la scienza non è noiosa. Faccio qualcosa che mi stimola ma soprattutto che mi rappresenta tantissimo – Annalisa è laureata in Fisica, ndr-“.
Tutta colpa di Galileo è un format orginale di DueB Produzioni di Luna Berlusconi, scritto da Andrea Bettinetti, che cura anche la regia, e Alessandra Torre.

“Siamo piccoli e ci siamo inseriti in un mercato dove i grandi hanno preso i loro spazi e ci siamo dovuti inventare programmi per farci notare come Tutta colpa di Galileto” ha detto Luna Berlusconi illustrando il progetto, “ La tv non regala allo spettatore contenuti divulgativi e noi ci abbiamo provato e ha funzionato. C’è un pubblico che aspetta anche questa e siamo noi a mostrarlo trasformando in pop giovanile e moderno temi scientifici. E in questo Annalisa è stata fondamentale. Soprattutto i giovani si aspettano oggi qualcosa d’interessante, qualche chicca alternativa pur senza nulla togliere alla televisione d’intrattenimento”.

La conquista dello spazio e dei suoi segreti è appena cominciata.

Articolo scritto da: Raffaella Berardi

Raffaella Berardi

Articolista su Spettacolo e Web. Pugliese doc, divoratrice di libri, affamata di storie. Ricercatrice seriale di domande che le risposte non bastano mai.

mediaCommenti