BrandMade, il nuovo modo di raccontare le aziende – Reportage

brandmade_00Raccontare i brand in maniera incisiva e soprattutto in modo personalizzato, questo è l’obiettivo di BrandMade la digital advisory agency di Trilud Group che ha visto la luce nel 2013 e nonostante la giovane età ha già saputo imporsi sul mercato con un’offerta che unisce consulenza e produzione di contenuti.

BrandMade ha saputo cogliere i cambiamenti e intercettare le nuove esigenze proponendo un modo diverso di fare advertising, unendo alla produzione di contenuti digital la consulenza strategica e rivelando un’identità in cui all’anima dell’agenzia di consulenza si unisce il gusto della classica web agency.
Un’offerta integrata che si sviluppa in due direzioni differenti quella di Advisory e quella di Production, con la prima che ha l’obiettivo di fornire il servizio di consulenza strategica e la seconda diretta alla produzione di contenuto digitale nelle sue molteplici forme.
Il risultato per i partner che scelgono BrandMade è una proposta a prezzi accessibili con caratteristiche mirate e progetti disegnati su misura dei desideri del cliente.

 

brandmade_02

È evidente che i tempi sono cambiati secondo Alberto Gugliada, amministratore delegato di Trilud Group alla guida di BrandMade, per questo è necessario invertire la rotta perché “solo quando l’azienda entra in comunicazione con gli utenti allora si fa la mossa giusta. Tutti noi cambiamo inconsapevolmente il nostro modo di relazionarci con le persone e lo stesso accade anche sui social dove c’è bisogno della giusta architettura della comunicazione per coinvolgere l’audience d’interesse. La nostra costante crescita testimonia la necessità di avere una consulenza forte e indipendente che possa accompagnare il brand lungo tutto il suo percorso. L’obiettivo di quest’anno è raddoppiare il fatturato e lavorare per un futuro in cui i nostri partner continuano a sommarsi e non a cambiare”.
Per meglio comprendere il cambiamento del mercato Gugliada prende ad esempio Red bull che “ha saputo creare una company media producendo non solo bibite ma anche contenuti”.
Ma chi sono le aziende che scelgono di affidarsi a BrandMade? Da Rizzoli Libri a Microsoft, da YAM112003 a Lambert + Associates, fino a Svizzera Turismo tra le case history più interessanti che Marco Schifano, Managing Director di BrandMade racconta con entusiasmo: “Svizzera Turimo è stato un progetto interessante perché la sfida era promuovere la Svizzera italiana durante il periodo di Expo. Abbiamo realizzato il sito e un progetto editoriale con 240 contenuti nell’arco di sei mesi con l’obiettivo di rendere il luogo sexy agli occhi della gente. Per far questo abbiamo cercato personaggi famosi che ci aiutassero nel nostro progetto come Audrey Hepburn che della Svizzera apprezzava la calma o i Deep Purple che sempre in Svizzera hanno scritto una delle loro più famose canzoni, Smoke on the water”.

branmade_01

La novità in casa BrandMade è il rilancio di FISAR, Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori. La digital advisory agency si è aggiudicata il progetto di comunicazione strategica per il consolidamento digitale di una realtà che da oltre 40 anni sostiene e promuove una cultura del vino che mette al centro il territorio, la qualità dell’informazione e della formazione, e l’indipendenza.
A BrandMade il compito di trasformare questi valori in un restyling dell’immagine coordinata e dell’identità digitale in un sapiente mix di logiche SEO e user experience per rendere FISAR raggiungibile sia dai soci e professionisti sia dagli appassionati del mondo enoico.

L’arte di raccontare storie è in continua evoluzione e BrandMade ha fatto dei cambiamenti dello storytelling il cuore pulsante del suo modo di comunicare sviluppando progetti capaci di guardare all’evoluzione del mondo online senza dimenticare le dinamiche tradizionali dell’offline.

Articolo scritto da: Raffaella Berardi

Raffaella Berardi

Articolista su Spettacolo e Web. Pugliese doc, divoratrice di libri, affamata di storie. Ricercatrice seriale di domande che le risposte non bastano mai.

mediaCommenti