“Il Premio” al cinema – Anteprima e Recensione

Alessandro Gassmann torna al cinema come attore, scrittore e regista con “Il premio” una commedia allegra e stimolante. Accompagnato da Valter Lupo e Massimiliano Bruno,presenta uno sceneggiato diverso dal solito: una storia che diverte e commuove, un viaggio in auto alla riscoperta dei rapporti familiari.

Immagine correlata

La pellicola ci introduce nella vita di Giovanni Passamonte (Gigi Proietti), un grande autore di best seller; un gaudente amante, che ha collezionato mogli e figli in giro per il mondo, acquisendo col tempo, oltre ad innumerevoli riconoscimenti,uno spirito cinico e egocentrico. Tra i vari premi assegnatigli giunge anche il Nobel per la letteratura, che decide di ritirare partendo col suo assistente Rinaldo (Rocco Papaleo), organizzando nel dettaglio il viaggio in auto da Roma fino a Stoccolma, per paura di volare. Alla traversata si aggiungono anche due dei molti figli di Giovanni: Oreste (Alessandro Gassmann) un personal trainer con problemi coniugali e Lucrezia (Anna Foglietta) una blogger, eterna figlia di papà.

Il viaggio segnerà le esistenze dei personaggi, che tra una simpatica disavventura e l’altra, riusciranno a tessere quei rapporti di cui avevano bisogno e che non erano mai riusciti ad approfondire nella quotidianità.

L’arma segreta del film  è Gigi Proietti,che capeggia sul cast come il suo personaggio nella storia, regalandoci l’ennesima ottima interpretazione e tante emozioni. Giovanni (Gigi) freddo e cinico sputa sui figli durissime verità, che spiazzano e fanno crescere, verità che colpiscono anche gli spettatori e stimolano “il colpo di reni” col quale ci si riappropria della propria vita e dei propri sogni.

Gassmann in questo vivissimo film, che arriverà nelle nostre sale a partire dal 6 dicembre,  ricorda il padre, stravolge gli schemi, scopre nuovi paesaggi e ci rivela la delicata rete di emozioni, che si cela nelle più semplici e più complesse dinamiche familiari.

Risultati immagini per il premio gassman

Il film equilibra comicità e introspezione, strappando un sorriso e una lacrima, ai più sensibili, arricchendo e alleggerendo l’animo.

Un film familiare, da vedere assolutamente: 3.5/5 .

Trailer: https://www.youtube.com/watch?v=tV0Dihp6LOc

Articolo scritto da: Camilla Zampolini

mediaCommenti